Archivio forum

Marina di Fondi :: Lottizzazione a Capratica, sul litorale di Fondi
AutoreMessaggio
Emanuele

Webmaster
Reg: 11 Set 2000
Msg inviati: 2423
Lottizzazione a Capratica, sul litorale di Fondi
Inviato il: 21 Lug 2007, 17:27
 
sabato 21 luglio 2007
FONDI — Lottizzazione a Capratica, sul litorale di Fondi.
di Orazio Ruggieri
Secco il "no" di Legambiente del presidente Luigi Di Biasio. Il responsabile del circolo "La Ginestra" prende posizione nei confronti del piano particolareggiato di iniziativa privata denominato "Lottizzazione Lido Capratica", adottato dal Consiglio comunale di Fondi. «Relativamente a questo progetto, concernente un'area di circa 45 ettari dell'omonima località, su cui si prevede un insediamento abitativo di circa mille e cento persone con la contestuale realizzazione di immobili per circa 112mila metri cubi», Luigi Di Biasio chiede, in sostanza, al consiglio di tornare sui suoi passi. Si tratta della presentazione delle cosiddette osservazioni, lo strumento in base al quale associazioni, partiti e privati cittadini possono chiedere modifiche ad alcuni atti della massima assemblea cittadina. Prima che questa proposta di Piano Particolareggiato venga inviata alla Regione Lazio, cui spetta comunque la definitiva approvazione, il Consiglio comunale dovrà adesso ridiscuterne, fornendo le relative contro-deduzioni alle contestazioni presentate da Legambiente Alla base della clamorosa richiesta del circolo fondano dell'associazione ambientalista ci sono motivazioni di varia natura. Legambiente evidenzia, in particolare, che "ci si trova a discutere di una sorta di villaggio turistico costituito per lo più da seconde e terze case, abitate essenzialmente durante i fine settimana e nel periodo estivo, per il quale si prevedono opere di urbanizzazione secondaria, come scuole, edifici pubblici e parcheggi, che verranno pagate da tutti i contribuenti fondani senza che la collettività possa in sostanza fruirne. In altre parole - si legge nel documento dell'associazione - mentre i signori proprietari dei terreni della lottizzazione faranno affari d'oro vendendo o costruendo su lotti edificabili di lusso, l'intera collettività fondana dovrà farsi carico solo di un aggravio per le casse comunali, senza vantaggi per i veri residenti della città». Legambiente sottolinea poi che «l'eventuale realizzazione di questi immobili stride di fatto con le prospettive di sviluppo contenute anche nell'ormai noto concorso di idee per la Marina di Fondi e con gli stessi princìpi cui dovrebbe ispirarsi il connesso incarico professionale per la variante generale al Piano Regolatore. Eventuali insediamenti - per Di Biasio - dovrebbero privilegiare l'aspetto ricettivo e non quello residenziale». Legambiente esprime profondi dubbi anche sul fatto che «verrà ignorata la vocazione agricola dei terreni considerati di primissima qualità».
Emanuele

Webmaster
Reg: 11 Set 2000
Msg inviati: 2423
Inviato il: 2 Nov 2007, 0:25
 
Giovedì 1 Novembre 2007
Fondi, l’altro ieri la seduta del Consiglio comunale. La minoranza: è speculazione edilizia
Colata di cemento a Capratica
Rigettate tutte le osservazioni sulla maxi lottizzazione da 1200 abitanti sul litorale
di Marco Toscano
VIA libera del Consiglio comunale di Fondi alla lottizzazione Lido di Capratica. L’ennesima colata di cemento sul litorale di Fondi.
Nel corso della seduta convocata per lunedì sono state votate tre osservazioni al progetto, già votato una prima volta nel Consiglio del 13 marzo, che prevede la realizzazione di una cubatura di oltre 100mila metri e interesserà un’area di 450 mila metri quadrati sul lido di Capratica. Un nuovo insediamento da 1200 abitanti, con un aumento del 4 per cento della popolazione residente. La minoranza ha criticato duramente il piano, ritenendo che l’approvazione definitiva sia niente più che «un’operazione di speculazione edilizia». Bruno Fiore, membro del coordinamento del Partito democratico, ha parole dure per quella che considera una «colata di cemento che si abbatterà sulla località Capratica» e conferma il giudizio negativo a un piano di sviluppo urbanistico che si basa su un piano regolatore dei primi anni ‘70. «Noi auspichiamo - afferma Fiore - uno sviluppo delle strutture turistiche e ricettive che possano portare maggiore sviluppo e ricchezza in un territorio a vocazione prevalentemente agricola. Dal punto di vista tecnico, inoltre, riteniamo che l’impianto di depurazione si riveli insufficiente, in particolare durante il periodo estivo, e chiediamo quindi, anche in funzione della salvaguardia ambientale, che il sistema di depurazione sia potenziato». Sulla stessa linea il commento del consigliere Massimo Di Fazio, il quale critica il piano particolareggiato ritenendo «lacunosa» la convezione predisposta dall’amministrazione comunale e giudica «singolare che una delle osservazioni votate dalla maggioranza sia stata presentata dal presidente del consorzio che si occuperà dei lavori del piano di lottizzazione del lido di Capratica». Secondo l’assessore all’urbanistica De Meo «il piano coniugherà l'esigenza residenziale con quella di conservazione dell'ambiente naturale, garantito dal mantenimento della vegetazione esistente, dall'insediamento di specie arboree tipiche del luogo e dalla conservazione dell'assetto idrogeologico. Il piano prevede una cubatura realizzabile pari a 112.500 metri cubi di cui il 20% riservato a negozi, magazzini e a quanto stabilito dalla normativa vigente. Il numero degli abitanti di 1.125 è commisurato alla cubatura strettamente residenziale. Di rilievo - prosegue l’assessore - è la disponibilità di un'area di 260 mila metri quadrati a favore del Comune destinata ad attrezzature pubbliche e sportive».
Emanuele

Webmaster
Reg: 11 Set 2000
Msg inviati: 2423
Inviato il: 2 Nov 2007, 0:28
Giovedì 1 Novembre 2007
Dopo le osservazioni dei cittadini, l’amministrazione dà il via libera al comparto 14
FONDI
Via libera alle case a Lido Capratica
di Irene Chinappi
Via libera al comparto 14, il piano di lottizzazione del Lido Capratica a Fondi, già adottato lo scorso 13 marzo e redatto in conformità con il Prg vigente. Trascorsi i tempi di pubblicazione, l'amministrazione comunale ha preso in esame tre osservazioni presentate dai cittadini, che sono state oggetto di discussione e votazione nel corso del Consiglio comunale svoltosi lo scorso martedì 30 marzo. Accolte due delle osservazioni presentate dai cittadini Paolo Di Manno e Mario Vaccaro, in quanto contenenti proposte di modifiche in senso migliorativo al piano particolareggiato, la maggioranza dell'assise ha invece respinto l'osservazione di Luigi Di Biasio, presidente pro-tempore del Circolo di Fondi Legambiente La Ginestra, in quanto non pertinente e priva di contenuti urbanistici. Il Piano particolareggiato approvato dall'assemblea sarà ora trasmesso alla Regione Lazio per i successivi provvedimenti di competenza. Il progetto prevede la costruzione di una zona residenziale su un'area di 450 mila mq in località Capratica, di cui 260 mila mq sono alla disponibilità del Comune di Fondi per attrezzature pubbliche e sportive. "Il piano - affermano il sindaco Luigi Parisella e l'assessore all'urbanistica Salvatore De Meo - coniugherà l'esigenza residenziale con la valorizzazione dell'ambiente paesaggistico e naturalistico, con la tutela dell'assetto idrogeologico. é prevista una cubatura realizzabile pari a 112.500 mc di cui il 20% riservato a negozi, magazzini e a quanto stabilito dalla normativa vigente. Il numero degli abitanti di 1.125 è commisurato ala cubatura strettamente residenziale. Priorità assoluta - conclude De Meo - è prevista e disciplinata dalla convenzione per la realizzazione delle opere di urbanizzazione primaria e secondaria che saranno a carico del consorzio privato per l'ammontare di circa 7 milioni di euro". Sollevata contro il progetto, invece, la minoranza per i cui rappresentanti la convenzione sarebbe lacunosa, mentre la previsione dei 1.125 abitanti sarebbe destinata a lievitare nei mesi estivi, il che impone la necessità di realizzare un adeguato impianto di depurazione. Ancora i consiglieri dell'opposizione hanno avanzato perplessità in merito ai tempi necessari al compimento dell'opera considerata l'assenza dei pareri di Enel, Italgas eAcqualatina. Il Consiglio comunale ha successivamente approvato le proposte di alienazione di terreni di uso civico a favore di ditte che hanno realizzato costruzioni legittime o che risultino condonabili, ai sensi della normativa vigente. L'alienazione interessa il suolo su cui insistono le costruzioni e le relativi superfici di pertinenza. La determinazione dei valori dei rispettivi lotti è stata redatta dal perito demaniale incaricato dalla Regione Lazio, Novello Tommassino Domenico.
Marina di Fondi :: Lottizzazione a Capratica, sul litorale di Fondi