Alluvioni? Quali alluvioni?

Discussione in 'Fondi e i fondani' iniziata da Sandrone, 11 Ottobre 2018.

  1. Sandrone

    Sandrone

    Nuovo utente

    Registr.:
    19 Lug 2017
    Messaggi:
    28
    Leggo con sorpresa dell'evento de "I Falchi" finalizzato a sensibilizzare la popolazione fondana sul rischio alluvioni (http://www.fondinotizie.net/notizie...informativo-a-cura-dei-falchi--io-non-rischio)

    Un dettaglio interessante è che la città di Fondi, sostanzialmente, NON E' RISCHIO ALLUVIONI.

    Stando alle mappe pubblicate sul sito della Regione c'è una sola minima area di rischio che impatterebbe una decina scarsa di abitazioni.

    Fare allarmismo è sbagliato, farsi belli sostenendo di prevenire rischi che non ci sono lo è ancor di più.
     
    A Francesco Fusco piace questo elemento.
  2. geo

    geo

    Nuovo utente

    Registr.:
    20 Mar 2012
    Messaggi:
    11
    Sono perfettamente d'accordo. Non si fa allarmismo, tanto più che chi è addetto ai lavori sa benissimo che ci può essere un rischio di allagamento nelle aree depresse circostanti il Lago di Fondi. Generalmente accade quando le idrovore si bloccano e non riescono più a determinare il deflusso delle acque nei fossi di scolo di bonifica. Certo se uno in questa zona ha realizzato un piano interrato o seminterrato è a rischio allagamento, ma poichè ciò non è consentito non avrà neanche modo di richiedere eventualmente i danni al Consorzio per malfunzionamento delle idrovore. Chi studia queste cose sa benissimo che si può dare preventivamente l'allerta e per questo interviene il Consorzio qualora le idrovore vadano in blocco. Nel piano di protezione civile (di cui è meglio non parlare) si rimanda alla cartografia regionale che tra l'altro è una cartografia di massima; studi più approfonditi dimostrano tra l'altro che le aree allagabili sono ben più ristrette. La piana di Fondi è soggetta inoltre a cedimento pari a 1 cm ogni 100 anni, quindi tettonicamente è stabile. L'unica possibilità di allagamento è la risalita del mare, tema questo ben più serio che richiede studi mirati e analisi più approfondite che lascerei fare a chi di dovere. Non è forse il caso per la Protezione civile di occuparsi del rischio frane (caduta massi) e rischio incendi che sono un reale problema per il nostro territorio?
     
    A Francesco Fusco piace questo elemento.
  3. Sandrone

    Sandrone

    Nuovo utente

    Registr.:
    19 Lug 2017
    Messaggi:
    28
    A tenere il corso sono "i Falchi" che trarrebbero un evidente vantaggio dal fatto di vedersi riconosciuta competenza e fondi per la prevenzione dei rischi di allagamento.
    Quanto alla prevenzione degli incendi, invece, sarebbe probabilmente meno economicamente vantaggiosa dello spegnimento degli stessi.
     
    A Francesco Fusco piace questo elemento.
  4. geo

    geo

    Nuovo utente

    Registr.:
    20 Mar 2012
    Messaggi:
    11
    in realtà non è solo sul rischio alluvioni bensì anche sul rischio sismico. La cosa cambia anche perchè è una campagna nazionale. Non capisco perchè abbiano inserito quell'adesivo solo con la scritta rischio alluvioni. Forse perchè sul rischio sismico non sono abbastanza preparati? Il piano di protezione civile ne parla marginalmente inserendo una serie di carte e informazioni che fanno riferimento al rischio sismico a nazionale e regionale. Di Fondi c'è invece una cartografia, validata dalla regione Lazio, che riporta esattamente le aree dove sono ipotizzabili i fenomeni di amplificazione sismica perchè di fatto qui non si generano terremoti ma possono avvertirsi terremoti i cui epicentri sono vicini a noi. Quelli che hanno redatto il PPC non l'hanno presa nemmeno in considerazione!
     
    A Francesco Fusco piace questo elemento.

Condividi questa pagina