Forza italia o forza india?

Discussione in 'Fondi e i fondani' iniziata da veggente, 7 Gennaio 2015.

  1. veggente

    veggente

    Guest

    Da tempo immemore la nostra città è governata da Forza Italia ma credo sarebbe più opportuno ribattezzarla Forza India giacchè negli ultimi anni il numero di indiani (e stranieri in genere) in città sono aumentati in modo spaventoso.
    Mi piacerebbe che queste persone avessero dei documenti, un lavoro regolare, pagassero le tasse e si integrassero nella comunità ma nella quasi totalità dei casi non è così.
    Al vasto popolo degli indiani impiegati in agricoltura vanno aggiunti i "richiedenti asilo" ospitati a tempo indeterminato in una struttura di Via Zara: un gruppo di diseredati che vengono ospitati e sfamati mentre passano le loro giornate gironzolando per la città senza far niente.

    Mentre le attività cittadine soffrono e chiudono la sola cosa in crescita vertiginosa sono gli stranieri.
     
    A Bortone piace questo elemento.
  2. eolica

    eolica

    Moderatore Membro dello Staff

    Registr.:
    11 Mar 2012
    Messaggi:
    1.493
    E’ imbarazzante doversi ripetere ma, in assenza di risposte nel senso auspicato, corre l’obbligo di riportare il mio pensiero espresso il 3 Ottobre 2014 in una discussione sullo stesso tema.

    I cittadini pongono i problemi che vivono, e soffrono, sono le autorità, che hanno l’onore e l’onere di gestire il nostro territorio ( e vale per qualsiasi forza governi questa comunità) che avrebbero l’obbligo giuridico e morale di darci una risposta.

    Tanto per cominciare ad uscire fuori dalle chiacchiere :

    Premesso l'imprescindibile obbligo di rispettare tutti (italiani e stranieri) le nostre leggi, in un Paese normale, per ipotizzare qualsiasi iniziativa, in forma civile, organizzata e sinergica fra Istituzioni-Forze dell'Ordine-Servizi sociali e cittadini, si dovrebbe provare a:

    a) conoscere le dimensioni del fenomeno migratorio che interessa il nostro comprensorio;

    b) conoscere la qualità (professionale) dei componenti delle comunità extracomunitarie e/o comunitarie e l'utilizzo nel processo produttivo dell'area;

    c) conoscere, di riflesso, le situazioni abitative e sanitarie che ne derivano;

    Vi risulta che, a parte le chiacchiere e le proteste (in parte giuste), alcune con venature di tipo razziale, che qualcuno si sia posto in questi termini dinnanzi al problema per affrontarlo (o, almeno provarci) in tutte le sue implicazioni ??

    Da allora, e penso anche per il futuro prossimo, unica risposta ufficiale, pur fra tanto clamore natalizio, il silenzio (operoso o furbo ?).
     
  3. veggente

    veggente

    Guest

    Se speri che qualcuno dal comune ammetta la natura del fenomeno sei come uno dei milioni di cristiani che da duemila anni attendono "la nuova venuta" ("bis") di Mister 25 dicembre.

    Buona attesa.
     
  4. Bortone

    Bortone

    Utente

    Registr.:
    5 Gen 2015
    Messaggi:
    56
    Visto i fatti accaduti recentemente a Roma in fatto di immigrati, io sarei curioso di sapere chi gestisce la struttura di Via Zara e a che compromesso/prezzo.
     
  5. eolica

    eolica

    Moderatore Membro dello Staff

    Registr.:
    11 Mar 2012
    Messaggi:
    1.493
    Bisogna provare a sapere e capire (tutto) per costringere ad agire chi ha il dovere di farlo.


    P.S.
    Le analisi superficiali, dettate a volte da un incomprensibile risentimento, non servono a smuovere una foglia e, alla fine, nemmeno a sfogarsi.
     
  6. veggente

    veggente

    Guest

    Se hai voglia di capire domattina tra le 7:30 e le 8:00 affacciati all'incrocio tra via Zara e via Madonna Delle Grazie ed assisti al loro incontro mattutino pre-bivacco cittadino.
     
  7. eolica

    eolica

    Moderatore Membro dello Staff

    Registr.:
    11 Mar 2012
    Messaggi:
    1.493
    Mio severo amico, non me ne volere, ma la constatazione di un disagio ( vero, reale, comprensibile) non produrrà mai, pretendendola, da cittadini, da chi ci governa, l'avvio ( almeno l'avvio) di una regola, di una soluzione.
     
  8. Uber

    Uber

    Utente attivo

    Registr.:
    7 Lug 2014
    Messaggi:
    287
    Finalmente vi scoprite e vi meravigliate dei cittadini comunitari ed extracomunitari che lavorano pochissimi, che vivono con la pensione sociale, che sono ospiti a nostre spese ed altri che hanno un lavoro solo la notte! non tacciatemi di razzismo ma questa è la realtà degli ospiti a Fondi ed in tutta itaglia. Chiedete lumi alle autorità cittadine? ma se gli stessi spendono più per due cani randagi che per un bisognoso, che se è Ospite ha un punto in più rispetto ad un italiano...andate a vedere chi prende quelle poche case popolari che si liberano ed esaminate le graduatorie comunali! Alla prossima..
     
  9. poz

    poz

    Nuovo utente

    Registr.:
    11 Giu 2014
    Messaggi:
    7
    mi vergogno di vivere nella stessa città di persone buone solo pensare a sti cazzo di indiani. Persone che evidentemente non hanno mai messo il naso fuori da Fondi e non si rendono conto che le preoccupazioni che si sollevano sono solo frutto di ignoranza. Si parla per sentito dire, si discrimina senza preoccuparsi ne di conoscere la situazione REALE (dite che questi vivono con i sussidi dello stato.... 1 ne avete mai parlato con un indiano di questa cosa?? 2 credete che la colpa sia la loro che usufruiscono di quest'agevolazione?? 3 mi gioco entrambi i miei gioielli che NESSUNO si sarebbe conmportato diversamente nella stessa loro situazione) e si discrimina senza neanche cercare di integrarli.
    Questi indiani di cui parlate, fanno la spesa nei vostri supermercati, pagano gli affitti ai fondani e vengono a lavorare nei nostri campi. Ma vi rendete conto di cosa state dicendo?????????
    Sono disposto ad andare insieme a persone come Uber a conoscere questi pericolosissimi nemici indiani.
    Le vostre disperazioni e frustrazioni dovete provare a sfogarle meglio... state a fa solo caciara!
    Ho sentito solo luoghi comuni non documentati e carichi di odio.
    la caciara che permette ai veri stronzi che decidono delle nostre sorti, di continuare a fare il cazzo che gli pare!
     
  10. poz

    poz

    Nuovo utente

    Registr.:
    11 Giu 2014
    Messaggi:
    7
    non capite che possono essere delle risorse per noi e per il nostro territorio... come succede in tante altre parti d'italia!!
    il confronto (non lo scontro) con gente diversa apre le menti... ma sembra che voi vogliate marcire nella vostra brodaglia.
    Più che odio provo pena verso chi non afferra il discorso.
     
  11. poz

    poz

    Nuovo utente

    Registr.:
    11 Giu 2014
    Messaggi:
    7
    penso anche che bisognerebbe rendere COSTRUTTIVO un dircorso come questo, e non una semplice sfuriata per dare la colpa a qualcuno. Vedetevi, vediamoci, parlatene di persona, documentatevi insieme!
    E vi assicuro che in un piccolo paese come il nostro sarebbe moooolto facile!
     
  12. veggente

    veggente

    Guest

    Caro Poz,

    in linea teorica sono vere tante belle cose (uguaglianza, rispetto, solidarietà, ecc) ma la realtà, la cruda realtà è tutt'altro.
    A Fondi ci sono centinaia di cittadini fondani ed italiani disoccupati, persone che parlano la nostra lingua, che pagano le tasse, che condividono la nostra cultura e la nostra storia.
    Perchè mai si dovrebbe insegnare la nostra lingua a centinaia di derelitti proveniente da ogni parte del mondo, istruirli, formarli e dar loro un lavoro quando questo lavoro non riusciamo a darlo agli italiani?
    Perchè dobbiamo mantenerli con le nostre tasse? Perchè dobbiamo accoglierli?

    Ribadirò una cosa che sfugge ai più: la Costituzione della Repubblica Italiana si riferisce SOLO agli italiani e benché oggi se ne dia una lettura diversa i padri fondatori pensavano al nostro popolo e solo a quello.
     
  13. eolica

    eolica

    Moderatore Membro dello Staff

    Registr.:
    11 Mar 2012
    Messaggi:
    1.493
    Per dare un contributo "concreto" alla discussione, speriamo seguita da iniziative ( possibilmente non demagogiche), segnalo questa iniziativa, quasi clandestina, del 29 Novembre scorso, e un'altra, a cui ha partecipato in pompa magna anche l'Amministrazione Comunale, per la presentazione di uno studio-indagine sul fenomeno migratorio nel nostro comprensorio e sui suoi riflessi e implicazioni ( curato dalla Associazione Murales) .

    Risultati: zero.

    Tutto sembra rimasto nelle segrete stanze, quasi fosse solo un rito auto assolutorio.

    Allora bisogna cambiare registro provando, con serietà, a conoscere, a capire il fenomeno e, insieme, approntare, attraverso le autorità preposte, ma con l'impegno civile e concreto di noi cittadini, le soluzioni possibili per una civile ed ordinata convivenza.

    Ogni esasperazione non risolve il problema, ma lo aggrava
    .

    SI SCRIVE IMMIGRAZIONE, SI LEGGE INTEGRAZIONE. Per una cultura dell’accoglienza. Incontro con gli Amministratori Locali.
    [​IMG]
    L’Associazione Culturale “Vittorio Bachelet”, in collaborazione con la Caritas dell’Arcidiocesi di Gaeta, ha organizzato per Sabato 29 novembre 2014, alle ore 17,00 presso la sala del Palazzo Caetani di Fondi, il convegno dal titolo “ Si scrive immigrazione si legge integrazione – Per un cultura dell’accoglienza” .
    L’incontro si inserisce nel percorso “Costruire la Polis” che l’associazione “Bachelet” ha iniziato lo scorso anno come momento di confronto con gli amministratori locali e come occasione di vicinanza a tutti coloro che, a partire dall’esperienza ecclesiale dell’Azione Cattolica, ma non solo, hanno maturato la scelta di impegnarsi in politica.
    Interverrà il Prof. Franco Pittau, Coordinatore del Centro Studi e Ricerche IDOS – Dossier Statistico Immigrazione- già collaboratore di Mons. Luigi Di Liegro per la Caritas di Roma e profondo studioso del fenomeno immigrazione, con una riflessione sui temi dell’accoglienza e dell’integrazione.
    Una lettura circa l’incidenza del fenomeno sul territorio verrà offerta dalla dott.ssa Maria Pia Deplano, della Caritas diocesana, e dalla Prof.ssa Annarita del Sole, Dirigente scolastico dell’I.C. “E. Amante” e del Liceo Classico e Linguistico “P. Gobetti” in Fondi.
    I Sindaci delle quattro maggiori città della diocesi (Minturno, Formia, Gaeta e Fondi), illustreranno le politiche in atto, volte a favorire l’accoglienza e l’integrazione degli immigrati, anche alla luce di quanto la legislazione vigente consente.
    Scopo dell’incontro è quello di stimolare un’attenta, pacata e approfondita riflessione sul tema dell’immigrazione, per rapportarsi ad esso in maniera positiva e propositiva, favorendo interventi di rete volti a promuovere sempre più il valore dell’accoglienza.
     
  14. poz

    poz

    Nuovo utente

    Registr.:
    11 Giu 2014
    Messaggi:
    7
    Caro veggente, ti rispondo subito.
    parlando di "tante belle cose" è come se mi dicessi che il mio punto di vista è irreale, e che la realtà è ben altra. Ma attento che io non ti sto dicendo che è tutto bello e fantastico, io credo nella continua ricerca della capire la realtà, che sicuramente è molto lontana da ciò che si dice in tv e dai luoghi comuni. La quotidiana disinformazione che ci propinano per confonderci serve solo a creare luoghi comuni e a "formare" gli elettori, credimi, basta solo cercare un po.
    Ti porto quest'esempio: tu mi dici "perchè mai dovremmo pagare le tasse per mantenerli". Ma sai noi italiani che tasse paghiamo?? cerca un po su internet... anzi, ti inivo un paio di link che ho trovato ( http://sottovoce360.blogspot.it/2013/07/italia-il-paese-delle-tasse-piu-assurde.html ) ( http://www.laveracronaca.com/focus/937-tasse-in-italia-ecco-le-piu-strane-e-le-piu-antiche ). Sinceramente io preferisco 1000 volte pagare una tassa che serva ad aiutare qualcuno piuttosto che una tassa per il finanziamento della guerra di Etiopia del 1935.

    Perchè dobbiamo accoglierli??
    Perchè sono dei disperati. Perchè un italiano ugualmente disperato che cerca fortuna all'estero (fenomeno attualissimo) spera (avendone lo stesso diritto) nello stesso trattamento. E in ultimo.. perchè ricordiamoci che anche noi siamo stati un popolo di emigranti.
    Tu mi dici che anche noi italiani siamo ormai dei disperati, ed hai ragione! Ma chiudersi nelle proprie 4 mura credi che ti salvi dalla disperazione????????

    Quello che voglio dire è che queste polemiche sono solo parole al vento. Non aiutano a risolvere il problema perchè non portano ad una soluzione concreta.

    Ragazzi, ma veramente voi preferite vivere nel pregiudizio verso una persona che abita nel tuo stesso paese, piuttosto che cercare di "conoscersi" (per poi rendersi conto che siamo tutti sulla stessa barca)?????
     
  15. Uber

    Uber

    Utente attivo

    Registr.:
    7 Lug 2014
    Messaggi:
    287
    Non so e spero di non incontrare mai un cittadino come "poz" che parla a vanvera con una conoscenza degli immigrati in loco. Credo che il "poz" sia un nuovo utente, poiché dovrebbe sapere che il sottoscritto ha vissuto in Australia, parte in Africa e conosce abbastanza bene l'Europa anche quella dell'est. Sono stato emigrante anche io ed ho sempre scritto che vorrei in Italia la legge che esiste in Senegal (Africa) non la bossi-fini! Conosco bene gli stranieri(diciamo cosi) e se lo vuole sapere il sottoscritto è Razzista! Ma non per il colore della pelle Ma per le dimensioni del cervello!!! Non voglio offendere nessuno ma vorrei (spero di non fare orrori, non errori) scrivere come si dice a Fondi " Hai messi le mani al cu... e cacci ziarelle!" Comunque sempre disponibile a confrontarmi, non con Soloni della politica ma con persone che non hanno preconcetti populistici e radical chic . Prima di salutare come biglietto da visita sono anche amico dell'associazione Murales anche se non condivido al cento per cento il loro operato....sono libero!
     
  16. saraaaa79

    saraaaa79

    Nuovo utente

    Registr.:
    16 Ago 2004
    Messaggi:
    4
    Sono perfettamente d'accordo con le proposte di veggente. Parimenti caccerei dall'Italia anche tutti gli italiani che non hanno un lavoro, non pagano le tasse, girovagano come i nullafacenti, spacciano droga, fanno del male agli altri. Quanti ce ne sono? Pochi? Fondi ne è un valido esempio.
     
  17. veggente

    veggente

    Guest

    Cara saraaaa79,

    ti sfugge un dettaglio: gli Italiani "nullafacenti" andrebbero sferzati e forzati a contribuire alla vita della comunità ma hanno genitori, nonni o avi che per questa nazione hanno dato il sangue.
    La nazionalità non è solo un fatto burocratico ma anche una questione di sangue che non puoi rinnegare, dimenticare o cancellare.
     
  18. Eddy

    Eddy

    Utente attivo

    Registr.:
    10 Mag 2003
    Messaggi:
    341
    Concordo con Sara79.

    Per il resto è vero che anche gli Italiani sono stati emigranti in paesi stranieri (e stanno tornando ad esserlo per disperazione!) ma ... e parlo per esperienza più volte riportatami dai miei nonni e altri parenti anziani emigrati ... perché negli altri paesi "civili" (al contrario dell'Italia!) gli emigranti sono rigidamente controllati e irregimentati già all'atto dell'ingresso nel paese e ancora peggio dopo?

    Vedasi il caso dell'Australia, del Canada, degli U.S.A. ... qui invece porte aperte per tutti, volemose bene, nessuna legge e ognuno fa il ca..o che gli pare!

    Vi sembra normale questo?

    A me no!
     
  19. Uber

    Uber

    Utente attivo

    Registr.:
    7 Lug 2014
    Messaggi:
    287
    Ribadisco il mio concetto: "non dimentichiamoci mai che siamo l'anticamera della Città del Vaticano" Quello che succede negli altri Stati è cosa normale, richiedere il rispetto delle leggi dello Stato che ti ospita. Se andate all'estero e dite che sei itagliano ti guardano e poi aggiungono "itagliani....brava gente" brava è per non dirti fesso.
     
  20. Eddy

    Eddy

    Utente attivo

    Registr.:
    10 Mag 2003
    Messaggi:
    341

    Assolutamente, totalmente, pienamente, perfettamente e completamente d'accordo! Purtroppo!:(
     

Condividi questa pagina