I fratelli Karamazov

Discussione in 'Fondi e i fondani' iniziata da Daniele, 6 Maggio 2016.

Stato discussione:
Chiusa ad ulteriori risposte.
  1. eolica

    eolica

    Moderatore Membro dello Staff

    Registr.:
    11 Mar 2012
    Messaggi:
    1.493
    Oggi mi è capitato di rileggere qualcosa di Salvatore Di Giacomo, e mi piace condividerlo.

    Lettera amirosa

    Ve voglio fà na lettera a ll' ingrese
    chiena ' e tèrmene scìvete e cianciuse,
    e ll' aggia combinà tanto azzeccosa
    ca s' ha d'azzeccà mmano pe nu mese.

    Dinto ce voglio mettere tre cose,
    nu suspiro, na lacrema e na rosa,
    e attuorno attuorno a ll' ammillocca nchiusa
    ce voglio da' na sessantina 'e vase.

    Tanto c' avita di' :"Che bella cosa"
    Stu nnammurato mio quanto è preciso ! "
    Mentr'io mme firmo cu gnostia odirosa:

    Il vosto schiavottello : Andonio Riso
     
  2. Daniele

    Daniele

    Utente attivo

    Registr.:
    23 Set 2010
    Messaggi:
    238
    "Va bene che la vita è tutto un processo di disgregazione, ma i colpi di portata micidiale - i colpacci che arrivano improvvisi - o che sembrano arrivare dall'esterno e che restano impressi da addurre poi a discolpa, o che confesserai agli amici nei momenti di debolezza - quelli lasciano sempre uno strascico". Poi, prosegue: "C'è un altro genere di colpi che arrivano dall'interno, che avverti solo quando è troppo tardi per correre ai ripari, quando prendi coscienza senza appello che, per certi aspetti, non sarai più quello di un tempo. Il primo tipo d'incrinatura sembra prodursi in fretta; il secondo avviene quasi a tua insaputa, ma d'un tratto, ne hai piena coscienza".

    Scott Fitzgerald.

    Semplicemente Maestoso!!!
     
  3. Daniele

    Daniele

    Utente attivo

    Registr.:
    23 Set 2010
    Messaggi:
    238
    Un compito diventa un dovere dal momento in cui sospetti che sia una parte essenziale di quell’integrità che da sola dà diritto ad un uomo di assumersi delle responsabilità.

    — Dag Hammarskjöld —

    Ho letto sul sito de "lastampa.it" le dichiarazioni di Virginia Raggi dopo il colloquio avuto con il Papa: "Importantissimo il ruolo della Chiesa".

    Dopo averle lette, mi è subito tornata alla mente la canzone di Lucio Battisti: "Amarsi un po". E ripensando alle parole della Raggi, mi è venuto spontaneo: "Appecoronarsi un po".

    Aveva ragione Andreotti (la di cui morte non ho certezza!): "Il potere logora chi non ce l'ha".
     
  4. eolica

    eolica

    Moderatore Membro dello Staff

    Registr.:
    11 Mar 2012
    Messaggi:
    1.493

    La cortesia dei non vedenti

    Wislawa Szymborska

    Il poeta legge le poesie ai non vedenti.
    Non pensava fosse così difficile.
    Gli trema la voce.
    Gli tremano le mani.

    Sente che ogni frase è qui messa alla prova dell'oscurità.
    Dovrà cavarsela da sola,senza luci e colori.
    Un'avventura rischiosa
    per le stelle dei suoi versi,
    e l'aurora, l'arcobaleno, le nuvole, i neon, la luna,
    per il pesce finora così argenteo sotto il pelo dell'acqua,
    e per lo sparviero, così alto e silenzioso nel cielo.

    Legge - perché ormai è troppo tardi per non farlo-
    del ragazzo con la giubba gialla in un prato verde,
    dei tetti rossi, che puoi contare, nella valle,
    dei numeri mobili sulle maglie dei giocatori
    e della sconosciuta nuda sulla porta schiusa.

    Vorrebbe tacere - benché sia impossibile-
    di tutti quei santi sulla volta della cattedrale,
    di quel gesto d'addio al finestrino del treno,
    di quella lente del microscopio e del guizzo di luce dell'anello
    e degli schermi e degli specchi e dell'album dei ritratti.

    Ma grande è la cortesia dei non vedenti,
    grande la comprensione e la generosità.
    Ascoltano, sorridono e applaudono.

    Uno di loro persino si avvicina
    con il libro aperto alla rovescia,
    chiedendo un autografo che non vedrà.
     
  5. Daniele

    Daniele

    Utente attivo

    Registr.:
    23 Set 2010
    Messaggi:
    238
    Mentre ascolto un album dei "Gong", mi imbatto in questa frase di Arthur Schopenhauer:

    All'uomo intellettualmente dotato, la solitudine offre due vantaggi: prima di tutto quello di essere con se stesso e, in secondo luogo, quello di non essere con gli altri...

    Che, letta con il sottofondo delle sonorità dei Gong assume un tono tetro, se non peggiore...
     
  6. eolica

    eolica

    Moderatore Membro dello Staff

    Registr.:
    11 Mar 2012
    Messaggi:
    1.493
    "La tolleranza non è abbastanza. L'umanità deve imparare ad amare la diversità"

    Justin Pierre James Trudeau ( Primo Ministro Canadese)
     
  7. Daniele

    Daniele

    Utente attivo

    Registr.:
    23 Set 2010
    Messaggi:
    238
    La nostra personalità sociale è una creazione del pensiero altrui...

    Marcel Proust
     
  8. Daniele

    Daniele

    Utente attivo

    Registr.:
    23 Set 2010
    Messaggi:
    238
    Resta il profumo di un'attrazione senza nome, e ciò che non ha nome, sgomenta...

    Tratto da "La sposa giovane" di Alessandro Baricco
     
  9. Daniele

    Daniele

    Utente attivo

    Registr.:
    23 Set 2010
    Messaggi:
    238
    Se dobbiamo attendere le tragedie per capire che in Italia tante cose sono inammissibili, siamo messi male. Le parole del Presidente della Repubblica Mattarella, mi fanno rabbia.

    Di solito non sono amante della retorica antipolitica, ma certe dichiarazioni lasciano costernati, qualche gradino in basso al dolore che sta attanagliando tanta gente in Puglia in queste ore.

    Concludo con le parole di Matteo Renzi: "Sia fatta chiarezza e individuate responsabilità".

    Questa frase la ascolto - cambiano i protagonisti, le parole sono uguali - dai tempi di Piazza Fontana.

    E sto (stiamo) ancora aspettando...
     
  10. eolica

    eolica

    Moderatore Membro dello Staff

    Registr.:
    11 Mar 2012
    Messaggi:
    1.493
    Salvatore Di Giacomo

    Pianefforte 'e notte


    Nu pianefforte 'e notte
    sona luntanamente,
    e 'a museca se sente
    pe ll'aria suspirà.

    È ll'una: dorme 'o vico
    ncopp' a nonna nonna
    'e nu mutivo antico
    'e tanto tiempo fa.

    Dio, quanta stelle 'n cielo!
    Che luna! e c'aria doce!
    Quanto na della voce
    vurria sentì cantà!
    Ma sulitario e lento
    more 'o mutivo antico;
    se fa cchiù cupo 'o vico
    dint'a ll'oscurità..

    Ll'anema mia surtanto
    rummane a sta fenesta.
    Aspetta ancora. E resta,
    ncantannese, a pensà.
     
  11. Daniele

    Daniele

    Utente attivo

    Registr.:
    23 Set 2010
    Messaggi:
    238
    Stamani al bar, il barista mi ha consigliato di ascoltare "Aria" di Alan Sorrenti.

    Non conoscevo questo brano e dopo averlo ascoltato mi sono detto: "Cazzo, che mi sono perso finora!".

    Musica che va oltre, ma il testo ha qualcosa di indefinito...

    Ho riempito il silenzio dell'appartamento, rotto solo dai suoni delle auto sulla strada di via Roma...

     
  12. Daniele

    Daniele

    Utente attivo

    Registr.:
    23 Set 2010
    Messaggi:
    238
    La società è organizzata non tanto dalla legge quanto dalla tendenza all’imitazione.

    (Carl Gustav Jung)
     
  13. Daniele

    Daniele

    Utente attivo

    Registr.:
    23 Set 2010
    Messaggi:
    238
    Immunità e impunità, sono oggi come sempre, le due palline che gli uomini di potere buttano in aria e fanno passare da una mano all'altra fra lo stupore degli spettatori. Ma la legge è una macchina infernale che può distruggere chi l'ha costruita e anche chi la fa funzionare.

    Tratto da "Una storia italiana - il caso Leone" di Piero Chiara.
     
  14. eolica

    eolica

    Moderatore Membro dello Staff

    Registr.:
    11 Mar 2012
    Messaggi:
    1.493
    Poesia di
    Rocco Scotellaro

    Sempre nuova è l’alba


    Non gridatemi più dentro,
    non soffìatemi in cuore
    i vostri fiati caldi, contadini.

    Beviamoci insieme una tazza colma di vino!
    che all'ilare tempo della sera
    s'acquieti il nostro vento disperato.

    Spuntano ai pali ancora
    le teste dei briganti, e la caverna
    l’oasi verde della triste speranza
    lindo conserva un guanciale di pietra...

    Ma nei sentieri non si torna indietro.
    Altre ali fuggiranno
    dalle paglie della cova,
    perché lungo il perire dei tempi
    l'alba è nuova, è nuova.
     
  15. eolica

    eolica

    Moderatore Membro dello Staff

    Registr.:
    11 Mar 2012
    Messaggi:
    1.493
    Senza 'e te

    di Giuseppe (Pino Daniele)


    Je te penze accussì, per ore e ore
    je te voglie accussì, te voglie ancora
    e si chest nunn'è ammore
    ma nuje che campamme a ffà
    e se chiove o jesce o sole
    je te voglie penzà,
    pecchè senza 'e te nun so niente.

    Je te sento accussì, comme o sang int'e vene
    se chiudo l'uocchie si, te voglie assaje bene
    e si chesto nunn'è ammore
    ma nuje che campamme a ffà
    e se chiove o jesce o sole
    je te voglie penzà,
    pecchè senza 'e te nun so niente.

    Pecchè senza 'e te me siento
    nun se vede manco 'a luna
    pecchè senza 'e te t'o giuro
    je nun credo cchiù a nisciuno
    je nun credo cchiù a nisciuno
    a nisciuno a nisciuno
    pecchè senza 'e te nun sò niente.

    e si chest nunn'è ammore
    ma nuje che campamme a ffà
    e se chiove o jesce o sole
    je te voglie penzà,
    pecchè senza 'e te nun so niente.

    Pecchè senza 'e te me siento
    nun se vede manco 'a luna
    pecchè senza 'e te t'o giuro
    je nun credo cchiù a nisciuno
    je nun credo cchiù a nisciuno
    a nisciuno a nisciuno
    pecchè senza 'e te nun sò niente.

    pecchè senza 'e te nun sò niente

    pecchè senza 'e te nun sò niente
     
    Ultima modifica: 16 Luglio 2016
  16. Daniele

    Daniele

    Utente attivo

    Registr.:
    23 Set 2010
    Messaggi:
    238
    Da qualche settimana ho in mente di ideare un progetto chiamato "Le pergamine". Pensieri personali rinchiusi in un bigliettino con un fiocco rosso da vendere in giro per Fondi al costo di 50 centesimi l'uno.

    Riflessioni, massime o semplici pensieri, capaci di regalare un attimo di pausa nel quotidiano...

    Chissà che qualcuno non possa interessarsi a questa idea...

    Proprio l'altra sera pensavo all'equilibrio e: "L'equilibrio alla fine diventa una piacevole utopia, alla quale ci aggrappiamo per apparire giusti e sentirci meno goffi e istintivi".
     
  17. eolica

    eolica

    Moderatore Membro dello Staff

    Registr.:
    11 Mar 2012
    Messaggi:
    1.493
    Pensieri, senza i "Baci Perugina" ?

    Auguri !
     
    Ultima modifica: 16 Luglio 2016
  18. Daniele

    Daniele

    Utente attivo

    Registr.:
    23 Set 2010
    Messaggi:
    238
    Colui che attende una rivoluzione sociale pura, non la vedrà mai; egli è un rivoluzionario a parole che non capisce la vera rivoluzione;

    Lenin
     
  19. Daniele

    Daniele

    Utente attivo

    Registr.:
    23 Set 2010
    Messaggi:
    238
    A distanza di tanti anni, questa strofa rimane ancora maledettamente attuale...

    E chissà quanti ne hai visti e quanti ne vedrai

    di giocatori tristi che non hanno vinto mai

    ed hanno appeso le scarpe a qualche tipo di muro

    e adesso ridono dentro a un bar

    e sono innamorati da dieci anni

    con una donna che non hanno amato mai

    Chissà quanti ne hai veduti, chissà quanti ne vedrai...



    Giù il cappello...

    "La leva calcistica del '68"

    Francesco De Gregori
     
    A eolica piace questo elemento.
  20. eolica

    eolica

    Moderatore Membro dello Staff

    Registr.:
    11 Mar 2012
    Messaggi:
    1.493
    Emozioni

    Seguir con gli occhi un airone sopra il fiume e poi
    ritrovarsi a volare
    e sdraiarsi felice sopra l'erba ad ascoltare
    un sottile dispiacere
    E di notte passare con lo sguardo la collina per scoprire
    dove il sole va a dormire
    Domandarsi perche' quando cade la tristezza
    in fondo al cuore
    come la neve non fa rumore
    e guidare come un pazzo a fari spenti nella notte
    per vedere
    se poi e' tanto difficile morire
    E stringere le mani per fermare
    qualcosa che
    e' dentro me
    ma nella mente tua non c'e'
    Capire tu non puoi
    tu chiamale se vuoi
    emozioni
    tu chiamale se vuoi
    emozioni
    Uscir dalla brughiera di mattina
    dove non si vede a un passo
    per ritrovar se stesso
    Parlar del piu' e del meno con un pescatore
    per ore ed ore
    per non sentir che dentro qualcosa muore
    E ricoprir di terra una piantina verde
    sperando possa
    nascere un giorno una rosa rossa
    E prendere a pugni un uomo solo
    perche' e' stato un po' scortese
    sapendo che quel che brucia non son le offese
    e chiudere gli occhi per fermare
    qualcosa che
    e' dentro me
    ma nella mente tua non c'e'
    Capire tu non puoi
    tu chiamale se vuoi
    emozioni
    tu chiamale se vuoi
    emozioni
     
Stato discussione:
Chiusa ad ulteriori risposte.

Condividi questa pagina