UNA DELIBERA DI GIUNTA PASTICCIATA FA VENIR FUORI UNA VICENDA DA CORTE DEI CONTI

Discussione in 'Fondi e i fondani' iniziata da brfiore, 12 Gennaio 2015.

  1. brfiore

    brfiore

    Utente

    Registr.:
    12 Giu 2007
    Messaggi:
    82
    PARTITO DEMOCRATICO

    Circolo Cittadino di Fondi

    www.democraticifondi.it


    COMUNICATO STAMPA


    UNA DELIBERA DI GIUNTA PASTICCIATA

    FA VENIR FUORI

    UNA VICENDA DA CORTE DEI CONTI


    Una delibera di Giunta, quella del 7 gennaio 2015 nr. 2, riguardante "Affidamento incarico professionale verbale di constatazione Guardia di Finanza" sbagliata e dai risvolti inquietanti.

    Al Comune di Fondi, come agli altri Comuni dell'ATO4 (Ambito Territoriale Ottimale per la gestione della rete idrica e fognaria), è stato notificato dalla Guardia di Finanza di Latina in data 25/11/2014 un P.V.C. (Processo Verbale di Constatazione) in quanto i rimborsi delle rate di mutuo acceso per la realizzazione della rete idrica e fognaria che, in base alla convenzione stipulata a suo tempo tra l'ATO4 e il gestore del servizio idrico integrato, cioè la società Acqualatina Spa, devono essere rimborsate da quest'ultima, non sono state assoggettate ad IVA all'aliquota ordinaria. Pertanto, il Comune di Fondi si sarebbe reso colpevole di un'evasione IVA per €uro 106.465,62, oltre sanzioni ed interessi, e infedele dichiarazione IVA.

    Peccato che la delibera di Giunta di cui in premessa faccia stranamente riferimento al Comune di Monte San Biagio e riporti una somma di IVA "evasa" per €uro 21.414,00. Un pastrocchio, questa Delibera, che dimostra con quanta fretta e poca attenzione sia stata approntata. Ma, per comprendere bene tutta questa particolare storia, bisogna inquadrare in modo più preciso la vicenda che, lo ripetiamo non riguarda solo il Comune di Fondi ma, pensiamo, tutti, o quasi, i Comuni delle Province di Latina, Frosinone e Roma, aderenti all'ATO4.

    In base alla Convenzione stipulata dai Comuni facenti parte dell'ATO4 e l'attuale gestore del Servizio Idrico Integrato, Acqualatina Spa, gli Enti locali, essendo ognuno proprietario della rete idrica e fognaria per la cui realizzazione hanno acceso mutui di importi rilevanti, gli impianti sono stati dati in comodato gratuito al gestore Acqualatina, con l'impegno da parte di questi a rimborsare le rate di mutuo.

    E' proprio sulla "vexata quaestio" del rimborso di queste rate che si è appuntata la verifica fiscale della Guardia di Finanza che, sposando una tesi dell' Agenzia delle Entrate illustrata nella Risoluzione nr. 104/E del 11 ottobre 2010, afferma che l'addebito delle rate di mutuo dovevano essere assoggettate ad IVA ad aliquota ordinaria.

    Nella Conferenza dei Sindaci dell'Autorità ATO4 del 23/12/2014, veniva deliberato (a maggioranza) di opporsi a questi PVC, dando incarico ad un professionista indicato di comune accordo.

    Fin qui la cronistoria legata alla vicenda delle Delibera di Giunta pastrocchia.

    Ma gli aspetti più preoccupanti riguardano i risvolti sui bilanci dei diversi Comuni che si trovano ad avere "residui attivi" perché il gestore Acqualatina Spa non sta rimborsando a questi le rate di mutuo. Infatti nel Bilancio di previsione 2015 del Comune di Fondi per tale voce sono iscritti residui attivi per euro 373.116,53, al netto delle "compensazioni" effettuate per il pagamento dei consumi idrici ad esso addebitati.

    Ancora più interessante sarebbe sapere se risulti a verità il fatto, più volte denunciato sulla stampa locale, che l'Amministrazione Provinciale a guida Cusani sia intervenuta nella vicenda stipulando un mutuo di ben 12 milioni di euro per anticipare ai Comuni quanto dovuto dal gestore Acqualatina Spa. Una bella cordata amministrativa/gestionale quella tra i Comuni a guida centrodestra, Amministrazione provinciale a guida Cusani e Acqualatina Spa, per coprirsi a vicenda i debiti/crediti e darsi un aiuto per far quadrare i rispettivi bilanci.

    Intanto, i cittadini/utenti si trovano a pagare tariffe tra le più salate d'Italia, con l'ulteriore beffa di un addebito del tutto illegittimo riguardante il "fantomatico" deposito cauzionale.


    Tutta roba da Corte dei Conti che, lo chiediamo, deve effettuare, se già non lo ha fatto, una ricognizione dei rapporti finanziari tra i Comuni delle province aderenti all'ATO4 ed il gestore unico del servizio idrico integrato, con particolare riguardo ai riflessi sugli equilibri di bilancio dei diversi Enti.




    Fondi, lì 12 gennaio 2015

    Bruno Fiore
    Consigliere comunale del Partito Democratico
    Rosaria Alfinito
    Coordinatrice Circolo Partito Democratico di Fondi
     
    Ultima modifica: 12 Gennaio 2015
  2. Francesco Fusco

    Francesco Fusco

    Utente abituale

    Registr.:
    3 Nov 2004
    Messaggi:
    3.081
    con questa discussione postata sabato scorso:

    http://www.fondani.it/forum/threads/risposta-al-comune-di-fondi.59/

    avevo dato la risposta (a mio umile avviso) al quesito, per il quale è stato incaricato un profesisonista fuori Fondi;

    inoltre, nel leggere l'atto, avevo notato le cose che adesso un "politico" di Fondi (ma dove sono gli altri politici ? ... e soprattutto dove sono i giovani di Fondi ? ... ) mette saggiamente in evidenza...

    grazie politico attivo... ma quante persone si interessano e leggono ? e a breve si dovrebbe votare a Fondi ... ? ...

    12/01/15

    francesco fusco
     
    Ultima modifica: 12 Gennaio 2015
  3. filipppo

    filipppo

    Utente

    Registr.:
    8 Gen 2009
    Messaggi:
    129
    INfatti ancora una volta il consigliere Bruno Fiore arriva secondo su una questione già sollevata da Francesco Fusco. Altro che pollitico attivo....
     
  4. eolica

    eolica

    Moderatore Membro dello Staff

    Registr.:
    11 Mar 2012
    Messaggi:
    1.493
    Non è da te banalizzare una cosa che merita approfondimenti ed una seria riflessione poichè, ed è l'unica cosa che mi limito a dire, in caso di negativo esito del contenzioso, il Comune ( cioè noi cittadini) rischia un "danno" di circa 215.000 euro fra imposte, sanzioni ed interessi.

    Piuttosto, ho letto qualche tempo addietro che il Comune ricercava ( non so se l'abbia poi trovato) un consulente fiscale per le sue necessità quotidiane : il problema è stato sottoposto in via preventiva oppure ora che la frittata sembra fatta al "consulente" ?
    Per non parlare di Acqualatina che, per i fatturati che sviluppo dovrebbe avere a disposizione fior di consulenti che avrebbero forse potuto e dovuto far presentare alla società almeno un interpello prevenitvo all'Agenzia delle Entrate per verificare la correttezza della procedura che si intendeva adottare.

    Sono cose che non mi sembra perciò il caso di minimizzare, non rendi un buon servigio alla collettività e, se permetti, alla tua intelligenza.
     
  5. brfiore

    brfiore

    Utente

    Registr.:
    12 Giu 2007
    Messaggi:
    82
    PARTITO DEMOCRATICO

    Circolo Cittadino di Fondi

    www.democraticifondi.it


    COMUNICATO STAMPA


    IL SINDACO DE MEO NON RISPONDE


    E’ ben strana la concezione che il Sindaco De Meo ha del ruolo degli amministratori comunali.

    Abituato ad averli tutti (quelli della sua parte) obbedienti, silenziosi e…ciechi, anche dinnanzi alle cose più inspiegabili e ingiustificabili, pretende quasi la stessa ossequienza e la stessa “complicità” politica da chi prova ad assumere, con scrupolo, il suo ruolo di amministratore di opposizione che verifica, valuta e sottopone all’attenzione dei cittadini le sue perplessità, i suoi rilievi, le sue critiche.

    Si, il sottoscritto è "unico" Consigliere del Partito Democratico, e prima ancora cittadino che rappresenta oggi altri cittadini, ma ciò non giustifica il tentativo di sminuire le cose che affermo, perché è proprio tale atteggiamento che dimostra come sia il Sindaco De Meo ad essere entrato (da mesi) in campagna elettorale ed ha messo in soffitta il suo doveroso ruolo istituzionale.

    Il sottoscritto ed il Partito Democratico non hanno bisogno di visibilità e non è da oggi che stiamo portando avanti una dura, giusta e doverosa, battaglia di opposizione alle scelte operate dalla sua Amministrazione.

    Quindi, per il futuro, se pensa di alzare i toni dello scontro polemico, sappia che noi siamo pronti a replicare, come sempre, a viso aperto, ma provi ad evitare le risposte rabbiose e che non entrano nel merito dei problemi da noi sollevati.

    Il Sindaco De Meo segnala che la Giunta ha provveduto nella serata di ieri, lunedì 12 gennaio, a rettificare la Delibera di Giunta "copia ed incolla" da quella di Monte San Biagio (sic!), meglio tardi, e forse anche grazie all’opposizione che mai, ma il Sindaco De Meo sa perfettamente che non sono stati i (riprovevoli) refusi della delibera ad attirare l’attenzione del sottoscritto che della questione aveva già ampiamente discusso nella stessa mattinata con i Revisori Contabili del Comune i quali, giustamente, gli avranno fatto notare il pastrocchio.

    Il Sindaco De Meo afferma che della questione si è parlato nel precedente Consiglio comunale, in risposta ad un quesito del Consigliere di opposizione Luigi Parisella, bene: ma cosa cambia ?

    Per far capire ai cittadini, risponda il Sindaco De Meo,puntualmente e senza fumoserie, a queste poche domande, senza girarci attorno:

    1) Il verbale della Guardia di Finanza, che rileva il mancato assoggettamento ad IVA delle rate di rimborso del mutuo acceso per la rete idrica e fognaria è stato notificato al Comune in data 25 novembre 2014. In tale atto si recupera IVA evasa per € 106.465,62, oltre a sanzioni ed interessi, e sanzioni per infedele dichiarazione IVA ( con un rischio potenziale, in caso di soccombenza, di circa 215.000 Euro). Il Comune avrebbe potuto, in via cautelare, definire le sole sanzioni ad 1/6 di quelle comminate nei trenta giorni dalla notifica del verbale, ma non lo fatto, perché?

    2) Perché avete aspettato il 7 gennaio 2015 per fare una delibera di Giunta, peraltro sbagliata?

    3) Pensate veramente che ci siano gli elementi per opporsi al Processo Verbale e al conseguente Avviso di Accertamento dell'Agenzia delle Entrate, quando già con una risoluzione ministeriale del 2010 la nr. 104/E, l’Agenzia delle Entrate aveva ha chiarito che – a suo parere - quegli importi andavano assoggettati ad IVA ad aliquota ordinaria e, fino ad oggi, vi è solo una pronuncia nel merito della Commissione Tributaria di Pesaro ( unico, solitario, “esito giurisprudenziale”) ?

    4) Nella Conferenza dei Sindaci e dei Presidenti delle Province dell'ATO4 che ha deliberato di dare incarico ad un legale per "difendervi" dalle contestazioni della Guardia di Finanza, al momento della votazione eravate presenti in 16 ( assenti 24) . Avete votato a favore in 13, contrari 2 (Maenza e Formia) - Astenuti 1 (Latina), ti risulta che sia così?

    5) Nel malaugurato caso di soccombenza davanti alle Commissioni Tributarie provinciale e regionale, chi pagherà i danni ( circa 215.000 euro) ?

    6) Tra gli esperti contabili e fiscali pagati dalla Amministrazione De Meo con i soldi dei cittadini, e nella roccaforte “forzista” di Acqualatina nessuno ha mai analizzato seriamente la questione, magari presentando un preventivo interpello in merito alla Agenzia delle Entrate, perché?

    7) Il Comune di Fondi deve incassare da Acqualatina Spa 373.116,53 euro di rate mutuo da rimborsare, cosa pensate di fare per sollecitare questi incassi, solo parzialmente coperti con le fatture dei consumi idrici delle utenze comunali ?

    Nel rispondere a queste semplici domande, il Sindaco De Meo provi a fare il rappresentante delle Istituzioni e non solo la sterile polemica politica, che non serve a niente ed a nessuno.



    Bruno Fiore, Consigliere comunale del Partito Democratico

    Rosaria Alfinito, Coordinatrice Circolo Partito Democratico di Fondi
     
  6. veggente

    veggente

    Guest

    Il tono della risposta del Sindaco rivela l'assenza di una concezione democratica persino nel dialogo politico ancorchè nell'amministrazione della cosa pubblica.
     
  7. filipppo

    filipppo

    Utente

    Registr.:
    8 Gen 2009
    Messaggi:
    129
    E vai si scaldano i motori della campagna elettorale....
    Quindi Bruno Fiore non solo è arrivato secondo a Francesco Fusco ma addirittura terzo considerato che il primo a sollevare la questione è stato Luigi Parisella.....
    Un bel bronzo non guasta mai.
     
  8. Francesco Fusco

    Francesco Fusco

    Utente abituale

    Registr.:
    3 Nov 2004
    Messaggi:
    3.081
  9. eolica

    eolica

    Moderatore Membro dello Staff

    Registr.:
    11 Mar 2012
    Messaggi:
    1.493

    Continui sempre a menare il can per l'aia : ma fossi tu quello che si occupa dei cani randagi a 466.000 euro all'anno?

    Scherzi a parte, prova ad uscire fuori dal cazzeggio, che pure ogni tanto ci vuole (mai prendersi troppo sul serio), e prova a confrontarti con i problemi che vengono portati anche alla tua attenzione di cittadino, magari solo per trovare conferme nel tuo voto al sindaco uscente ( o no !?).

    Il Consigliere Fiore,dopo che il Consigliere Parisella aveva sollevato per primo la questione in Consiglio Comunale, dinnanzi ad un atto deliberativo ( peraltro molto scombiccherato e perciò rettificato) prova a chiedere ( come è suo diritto/dovere) ragione di alcune scelte e di alcuni comportamenti, e tu che ne pensi, oltre le graduatorie da medaglia olimpica ?
     

Condividi questa pagina