Archivio forum

AutoreMessaggio
Francesco Fusco

Reg: 3 Nov 2004
Msg inviati: 3760
La DDA torna a Fondi
Inviato il: 18 Nov 2009, 17:45

La Dda torna a Fondi

La Direzione Distrettuale Antimafia di Roma avrebbe acquisito gli atti della cosiddetta variante Pantanelle, realizzata per un capanonne industriale – di proprietà, fra gli altri, dell’ex sindaco Parisella – e già citata nella relazione del prefetto Frattasi. A quanto pare le indagini della Dda si estenderebbero anche ad eventuali attività di riciclaggio di denaro sporco. In attesa di informazioni più dettagliate vi proponiamo il servizio andato in onda nel Tgr di oggi.

http://www.ilcantieresociale.it/

_____________________________________

 

«Ottenevano licenze e autorizzazioni ed erano proprio essi stessi a determinare l’indirizzo politico amministrativo dell’ente territoriale e, per l’effetto, favori personali piccoli e grandi, con un evidente sviamento dall’interesse pubblico».

Alla direzione distrettuale antimafia sono ripartiti da qui. Da un passaggio dell’ordinanza di custodia cautelare relativa all’operazione “Damasco” riferito ad Aldo Trani e Carmelo Tripodo. I magistrati non avevano mai smesso di indagare e si erano resi conto che nel “filone” dell’urbanistica si nascondevano ulteriori passaggi poco chiari.


Soprattutto investimenti sospetti. E’ già dalla prima visita dei carabinieri al Comune di Fondi, poco prima che si insediasse la commissione d’accesso a febbraio del 2008, che si parla con insistenza di “favori” urbanistici e cambi di destinazione d’uso tutti da capire. Poi è arrivato il gruppo nominato dal prefetto di Latina, Bruno Frattasi, appunto la commissione d’accesso, che nelle oltre 500 pagine della sua relazione ha posto spesso l’accento sui movimenti legati a zone che prima non erano edificabili e lo sono diventate nonché ai permessi di costruire. La “partita” di questo nuovo filone d’indagine si gioca tutta lì. Alla direzione distrettuale antimafia per il momento procedono contro ignoti, ma è chiaro che per essere l’inchiesta in mano a loro si ipotizza che i presunti favori nel campo urbanistico possano aver favorito interessi di personaggi legati alla criminalità organizzata.


Per il momento al Comune, nella fattispecie al segretario generale, è stato notificato l’ordine di esibire la documentazione. Sulla scorta di quanto riportato negli atti visionati dai carabinieri del nucleo investigativo del comando provinciale di Latina, i quali sin dal primo momento stanno svolgendo accertamenti sui possibili rapporti tra malavita organizzata e politica a Fondi, alla Dda decideranno come andare avanti.


E se in un primo momento si è fatto riferimento solo alla variante “Pantanelle” i magistrati, per quanto si è appreso ieri, sono interessati anche ad altri passaggi urbanistici. Un filone che parte dalle precedenti indagini, trae spunto dalla relazione della commissione d’accesso, ma procede autonomamente.



E tanto materiale relativo all’urbanistica e ai permessi di costruire è anche nelle risultanze della commissione d’accesso. Quelle che avevano spinto il prefetto a chiedere, per due volte, lo scioglimento del consiglio comunale. Richiesta fatta propria dal ministro dell’interno Roberto Maroni ma poi “vanificata” dalle dimissioni del sindaco e della maggioranza dei consiglieri comunali, con una procedura adottata finora solo per Fondi.

 

Il Messaggero di oggi 18/11/09

http://www.fondani.it/notiziario/mostra_not.php?id=54992

 

 

ju funnan
Reg: 1 Ago 2009
Msg inviati: 11
Inviato il: 18 Nov 2009, 18:10

le faccio notare che si e' dimenticato di inserire in fondo alla discussione

                                     "pace e bene"

 

Francesco Fusco

Reg: 3 Nov 2004
Msg inviati: 3760
Inviato il: 18 Nov 2009, 19:01

attaccatami pure, ma con ragione e sensatezza...

                                                   francesco fusco

 

ju funnan ha scritto:

le faccio notare che si è dimenticato di inserire in fondo alla discussione

                                     "pace e bene"

 

ju funnan
Reg: 1 Ago 2009
Msg inviati: 11
Inviato il: 18 Nov 2009, 19:06

lei non deve avere "la coda di paglia"

era solo per farle notare che aveva dimenticato un qualcosa a cui noi siamo affezionati

Davy Crockett

Reg: 22 Mag 2009
Msg inviati: 376
Inviato il: 18 Nov 2009, 20:43
Francesco Fusco ha scritto:

attaccatami pure, ma con ragione e sensatezza...

                                                   francesco fusco

 

azz..... copia/incolla anche nelle risposte !!!!!!!

Davy Crockett

Reg: 22 Mag 2009
Msg inviati: 376
Inviato il: 18 Nov 2009, 21:01
Francesco Fusco ha scritto:

attaccatami pure, ma con ragione e sensatezza...

                                                   francesco fusco

 

faccio anche io copia/incolla

da Tiscali

In questo modo dai lettori imparerei qualcosa in più e stimolerei qualche nuovo ragionamento. Chiedo troppo? Di Oliviero Beha

 

dalla pagina Tiscali : avvocà' ma gliela ha suggerita lei a Bhea ??

 

non finirà mai di stupirmi !!!!

                                                           pane e bere avvoca'

Boboloff

Reg: 13 Feb 2005
Msg inviati: 666
Inviato il: 18 Nov 2009, 23:25
Mercoledì 18 Novembre 2009
L’attività della Direzione distrettuale antimafia parte da Damasco e dalla commissione d’accesso
Caccia agli investimenti sospetti
Varianti e permessi di costruire, attenzione sui passaggi di denaro
Fondi La nuova inchiesta sull’attività urbanistica del Comune
Il Comune di Fondi, nuovo intervento della Direzione distrettual
di GIOVANNI DEL GIACCIO

«Ottenevano licenze e autorizzazioni ed erano proprio essi stessi a determinare l’indirizzo politico amministrativo dell’ente territoriale e, per l’effetto, favori personali piccoli e grandi, con un evidente sviamento dall’interesse pubblico». Alla direzione distrettuale antimafia sono ripartiti da qui. Da un passaggio dell’ordinanza di custodia cautelare relativa all’operazione “Damasco” riferito ad Aldo Trani e Carmelo Tripodo. I magistrati non avevano mai smesso di indagare e si erano resi conto che nel “filone” dell’urbanistica si nascondevano ulteriori passaggi poco chiari.
Soprattutto investimenti sospetti. E’ già dalla prima visita dei carabinieri al Comune di Fondi, poco prima che si insediasse la commissione d’accesso a febbraio del 2008, che si parla con insistenza di “favori” urbanistici e cambi di destinazione d’uso tutti da capire. Poi è arrivato il gruppo nominato dal prefetto di Latina, Bruno Frattasi, appunto la commissione d’accesso, che nelle oltre 500 pagine della sua relazione ha posto spesso l’accento sui movimenti legati a zone che prima non erano edificabili e lo sono diventate nonché ai permessi di costruire. La “partita” di questo nuovo filone d’indagine si gioca tutta lì. Alla direzione distrettuale antimafia per il momento procedono contro ignoti, ma è chiaro che per essere l’inchiesta in mano a loro si ipotizza che i presunti favori nel campo urbanistico possano aver favorito interessi di personaggi legati alla criminalità organizzata.
Per il momento al Comune, nella fattispecie al segretario generale, è stato notificato l’ordine di esibire la documentazione. Sulla scorta di quanto riportato negli atti visionati dai carabinieri del nucleo investigativo del comando provinciale di Latina, i quali sin dal primo momento stanno svolgendo accertamenti sui possibili rapporti tra malavita organizzata e politica a Fondi, alla Dda decideranno come andare avanti.
E se in un primo momento si è fatto riferimento solo alla variante “Pantanelle” i magistrati, per quanto si è appreso ieri, sono interessati anche ad altri passaggi urbanistici. Un filone che parte dalle precedenti indagini, trae spunto dalla relazione della commissione d’accesso, ma procede autonomamente.
E’ comunque negli atti di “Damasco” un esempio emblematico del modo di condurre le questioni urbanistiche. C’è il caso di un imprenditore che si ritrova “stretto” fra l’ex assessore Riccardo Izzi e Massimo Di Fazio, noto come “Peticone”, solo per avere acquistato un terreno che interessava a quest’ultimo per un costruttore napoletano. L’attenzione degli investigatori è concentrata, in particolare, sui passaggi di denaro che sono stati generati da alcune varianti ritenute poco chiare.
E tanto materiale relativo all’urbanistica e ai permessi di costruire è anche nelle risultanze della commissione d’accesso. Quelle che avevano spinto il prefetto a chiedere, per due volte, lo scioglimento del consiglio comunale. Richiesta fatta propria dal ministro dell’interno Roberto Maroni ma poi “vanificata” dalle dimissioni del sindaco e della maggioranza dei consiglieri comunali, con una procedura adottata finora solo per Fondi.
 
 
scusate ma come si chiamava l'assessore all'urbanistica?
antimateria
Reg: 16 Set 2008
Msg inviati: 1683
QUESTI I FATTI.
Inviato il: 21 Nov 2009, 23:45

Il miracolo di Fondi, il Comune invulnerabile alla legge

Otto settembre 2008: il Prefetto di Latina, Bruno Frattasi, firma una richiesta di scoiglimento del Comune di Fondi per “accertati elementi di infiltrazione malavitosa”

Otto settembre 2008: il Prefetto di Latina, Bruno Frattasi, firma una richiesta di scoiglimento del Comune di Fondi per “accertati elementi di infiltrazione malavitosa”. Un dossier di 507 pagine con dentro la storia di dieci anni di indagini di ogni polizia possibile dello Stato italiano e una conclusione univoca: i clan Tripodo e Altieri erano di casa nell’amministrazione comunale.

Sei luglio 2009: la Direzione distrettuale Antimafia cala su Fondi con 17 arresti e sequestri per nove milioni di euro. In cella per corruzione Riccardo Izzi, fino al 13 febbraio 2008 assessore al Lavori pubblici. Ai domiciliari due drigenti comunali, Tommasina Biondino e Gianfranco Mariorenzi e Dario Leone e Pietro Munno, comandante e vice della Municipale.

Quindici maggio 2009: il ministro degli Interni Maroni si dice favorevole allo scioglimento. Agosto 2009: il consiglio dei Ministri non scioglie e il capo del governo spiega che non ci sono “prove”.

Domanda finora senza risposta: perchè il Comune di Fondi ottiene un trattamento diverso da quello di altri Comuni egualmente “infiltrati” dalla criminalità? Domanda numero due: cosa c’è a Fondi che impedisce l’arrivo di un commissario governativo?

http://www.blitzquotidiano.it/politica-italiana/il-miracolo-di-fondi-il-comune-invulnerabile-alla-legge-86545/