Amico Eolica...

Discussione in 'Fondi e i fondani' iniziata da masnut, 20 Aprile 2022.

  1. masnut

    masnut

    Utente attivo

    Registr.:
    7 Dic 2004
    Messaggi:
    201
    Ieri è stato l'anniversario della morte del nostro amico Ettore.
    Voglio riportare la poesia che ha dedicato Ajeje per salutare un grande amico.

    Anema gentile.
    Truvaje nu jorne d'aria tempestosa
    ché jev camm'nenn p' la piazz
    n'anema gentile e premurosa
    andò che tutt sì cca sì,vuttavn all'ammezz.
    E dent aijocchij soj sinceri
    ce se leggeva l'anema.
    Me dicette:"Faccio con te due passi volentieri,
    vai sempre a testa alta e senza mai na lacrema"
    Ce putiv parlà d' chest e chell:
    "pane al pane e vino al vino"
    d'cev a chije ca n'n capèv la favèll.
    E se chiste ancucciav, ce l' d'cev pur da vicino.
    E r'sp'ttùs pur! Nù s'gnor.
    D'arte musica e puisja,paricchije acculturat
    e da omme tòst e nav'gat n'n v'deva l'or
    d' t' rà le recchie aij'asn cucciùt.
    Ma no pe' dice:
    "Je so' cchiù bbrave e allor statte zitte!"
    Bensì:
    "Parlam anzèm e jame semp ritt".
    C'hamme ancuntrat,nu p'zzareij d' via c'ha sém fatt
    comm' a na' criatùr m'appicciasti pe' la mano
    "Prima d' tutt còs,ju r'spett".
    Poi cambiò strada e se ne andò via,lontano.
    Mo n'n ce sta jorne che passa
    ca je n'n pens a st'anema gentile.
    Me sent comm a nu p'scatòr senza rezza.
    Oggi,lassàm ca se vòtt, chella massa...
    Sarà chell'anema ,sarà lo zefiro d'Aprile
    ma nu v'ntareij d' bòtt,m'accarezza.
     
    A NarFil, AjejeBrazov e Francesco Fusco piace questo elemento.
  2. AjejeBrazov

    AjejeBrazov

    Utente attivo

    Registr.:
    9 Mag 2015
    Messaggi:
    409
    Grazie Masnut per il ricordo di Ettore e di questi versi buttati giù di getto, col cuore.
    Con questo scritto, penso di avere umilmente interpretato il sentimento di chiunque di noi abbia conosciuto Ettore Capasso di persona, del vuoto che ha lasciato su questo forum(luogo che descrivo come"la piazz"), dello spirito costruttivo e della feroce critica che sapeva esporre quando era necessario nei confronti di chiunque dimostrasse avversità o pressappochismo, su questa piazza virtuale ma anche a tu per tu, senza mai risparmiarsi.
    Righe scritte(in un dialetto neppure così perfetto...e me ne scuso) anche a nome di chi come te o di tanti suoi amici di vecchia data, che lo frequentavano da molto più tempo di me.
    Dalla sua pur breve frequentazione ho imparato molto, ho corretto alcune convinzioni, ho attinto dai suoi modi garbati ma decisi("l'anema gentile") come farebbe un allievo con il suo maestro o come un genitore che conducesse un figlio per mano(m'appicciasti pe' la mano).
    Ricordo il giorno del suo funerale.
    Nel porgere le condoglianze a sua moglie e presentandomi, ricevetti da lei una carezza sul viso inaspettata, leggerissima come un soffio di vento. E proprio la stessa dolce sensazione che provai, l'ho riportata in fondo alla poesia.
    Non lo dimenticherò mai.
     
    Ultima modifica: 21 Aprile 2022
    A masnut e Francesco Fusco piace questo messaggio.

Condividi questa pagina