La politica in oceania

Discussione in 'Fondi e i fondani' iniziata da veggente, 31 Dicembre 2014.

  1. veggente

    veggente

    Guest

    Casualmente mi sono imbattuto nell'intervento di un affine al Partito (di cui condivide pedissequamente l'ideologia Socing) che si spendeva in favore dei suoi prolet vicini di casa e mi sono ritrovato a considerare come in Oceania i membri che proferiscono parola lo fanno per intercedere in favore esclusivo di qualcuno mentre tutti gli altri si attengono alla regola del silenzio in attesa che il Minluv detti la linea (il vangelo locale).

    30 anni dopo la previsione di Orwell è una maledetta realtà nella nuova Oceania.
     
  2. eolica

    eolica

    Moderatore Membro dello Staff

    Registr.:
    11 Mar 2012
    Messaggi:
    1.493
    Mio tormentato e sensibile amico, capisco e, se permetti, condivido il tuo “disagio” dinnanzi a tante cose, vicine e lontane, che vorremmo non vedere, non sentire anche se, al fondo, rimane il desiderio, la speranza che una porta si apra per cercare, vedere, immaginare un presente ed un futuro diversi.

    A questa nostra ansia di “trovare pace”, a Fondi, in Italia, come in ….. Oceania, risposta migliore non trovo, insieme ad un augurio sentito e sincero, se non quella in rima del grande Eudardo De Filippo:


    Ij vulesse truva’ pace;

    ma na pace senza mort.

    Un’, mmieze’a tanta porte,

    s’arapesse pè campà !


    S’arapesse na matina,

    na matin’ ‘e primmaver,

    e arrivass’ fin’ ‘a sera

    senza dì: “nzerràte llà !”


    Senza sentere cchiù ‘a ggente

    ca t’ dice:”ij facc’…,ij rich'”,

    senza sentere l’amico

    ca te vene a cunziglià.


    Senza senter’ ‘a famiglj

    ca t’ ric': “Ma ch’ ‘e fatt?”

    Senza scennere cchiù a patt

    c’ ‘a cuscienza e ‘a dignità.


    Senza legger’ ‘o giurnale…

    ‘a nutizia impressionante,

    ch’è nu guaio pè tutte quante

    e nun tiene che ce fà.


    Senza sentere ‘o duttore

    ca te spiega a malatia…

    ‘a ricett’ in farmacia…

    l’onorario ch’ ‘e ‘a pavà.


    Senza sentere stu core

    ca te parla ‘e Cuncettina,

    Rita, Brigida, Nannina…

    Chesta sì…Chell’ata no.


    Pecchè, insomma, si vuò pace

    e nun sentere cchiù niente,

    ‘e ‘a sperà ca sulamente

    ven’ ‘a morte a te piglià.


    Ij vulesse truva’ pace

    ma na pace senza morte.

    Una, mmiez’ ‘a tanta porte

    s’arapesse pè campà!


    S’arapesse na matina,

    na matin’ ‘e primavera,

    e arrivasse fin’ ‘a sera

    senza dì: “nzerràte llà!”


     

Condividi questa pagina