Per sapere, per riflettere......

Discussione in 'Del più e del meno' iniziata da eolica, 13 Ottobre 2016.

  1. eolica

    eolica

    Moderatore Membro dello Staff

    Registr.:
    11 Mar 2012
    Messaggi:
    1.500
    UNA RIFLESSIONE CHE, MI SEMBRA, OGGI (IN PARTICOLARE) CI STA TUTTA.

    BUONA NATALE A TUTTI, BELLI E .....BRUTTI.



    Il rimedio è la povertà
    Questo articolo apparve il 30 giugno 1974, ed è straordinario. Una meraviglia di stile e di pensiero di Goffredo Parise.
    upload_2016-12-25_19-21-20.jpeg
    Troviamo utile pubblicare di tanto in tanto dei gioielli del pensiero. Questo è un articolo di Goffredo Parise tratto dalla rubrica che lo scrittore tenne sul “Corriere della sera” dal 1974 al 1975. Si trova nell'antologia "Dobbiamo disobbedire", a cura di Silvio Perrella, edita da Adelphi. Questo articolo apparve il 30 giugno 1974, ed è straordinario. Una meraviglia di stile e di pensiero di questo autore sicuramente libero e lontano da ogni appartenenza politica e salottiera. Rappresenta per noi oggi - media compresi che non ospitano più pezzi così controcorrente - uno schiaffo contro la nostra inerzia.




    «Questa volta non risponderò ad personam, parlerò a tutti, in particolare però a quei lettori che mi hanno aspramente rimproverato due mie frasi: «I poveri hanno sempre ragione», scritta alcuni mesi fa, e quest’altra: «il rimedio è la povertà. Tornare indietro? Sì, tornare indietro», scritta nel mio ultimo articolo.

    Per la prima volta hanno scritto che sono “un comunista”, per la seconda alcuni lettori di sinistra mi accusano di fare il gioco dei ricchi e se la prendono con me per il mio odio per i consumi. Dicono che anche le classi meno abbienti hanno il diritto di “consumare”.

    Lettori, chiamiamoli così, di destra, usano la seguente logica: senza consumi non c’è produzione, senza produzione disoccupazione e disastro economico. Da una parte e dall’altra, per ragioni demagogiche o pseudo-economiche, tutti sono d’accordo nel dire che il consumo è benessere, e io rispondo loro con il titolo di questo articolo.

    Il nostro paese si è abituato a credere di essere (non ad essere) troppo ricco. A tutti i livelli sociali, perché i consumi e gli sprechi livellano e le distinzioni sociali scompaiono, e così il senso più profondo e storico di “classe”. Noi non consumiamo soltanto, in modo ossessivo: noi ci comportiamo come degli affamati nevrotici che si gettano sul cibo (i consumi) in modo nauseante. Lo spettacolo dei ristoranti di massa (specie in provincia) è insopportabile. La quantità di cibo è enorme, altro che aumenti dei prezzi. La nostra “ideologia” nazionale, specialmente nel Nord, è fatta di capannoni pieni di gente che si getta sul cibo. La crisi? Dove si vede la crisi? Le botteghe di stracci (abbigliamento) rigurgitano, se la benzina aumentasse fino a mille lire tutti la comprerebbero ugualmente. Si farebbero scioperi per poter pagare la benzina. Tutti i nostri ideali sembrano concentrati nell’acquisto insensato di oggetti e di cibo. Si parla già di accaparrare cibo e vestiti. Questo è oggi la nostra ideologia. E ora veniamo alla povertà.


    Povertà non è miseria, come credono i miei obiettori di sinistra. Povertà non è “comunismo”, come credono i miei rozzi obiettori di destra.


    Povertà è una ideologia, politica ed economica. Povertà è godere di beni minimi e necessari, quali il cibo necessario e non superfluo, il vestiario necessario, la casa necessaria e non superflua. Povertà e necessità nazionale sono i mezzi pubblici di locomozione, necessaria è la salute delle proprie gambe per andare a piedi, superflua è l’automobile, le motociclette, le famose e cretinissime “barche”.

    Povertà vuol dire, soprattutto, rendersi esattamente conto (anche in senso economico) di ciò che si compra, del rapporto tra la qualità e il prezzo: cioè saper scegliere bene e minuziosamente ciò che si compra perché necessario, conoscere la qualità, la materia di cui sono fatti gli oggetti necessari. Povertà vuol dire rifiutarsi di comprare robaccia, imbrogli, roba che non dura niente e non deve durare niente in omaggio alla sciocca legge della moda e del ricambio dei consumi per mantenere o aumentare la produzione.

    Povertà è assaporare (non semplicemente ingurgitare in modo nevroticamente obbediente) un cibo: il pane, l’olio, il pomodoro, la pasta, il vino, che sono i prodotti del nostro paese; imparando a conoscere questi prodotti si impara anche a distinguere gli imbrogli e a protestare, a rifiutare. Povertà significa, insomma, educazione elementare delle cose che ci sono utili e anche dilettevoli alla vita. Moltissime persone non sanno più distinguere la lana dal nylon, il lino dal cotone, il vitello dal manzo, un cretino da un intelligente, un simpatico da un antipatico perché la nostra sola cultura è l’uniformità piatta e fantomatica dei volti e delle voci e del linguaggio televisivi. Tutto il nostro paese, che fu agricolo e artigiano (cioè colto), non sa più distinguere nulla, non ha educazione elementare delle cose perché non ha più povertà.

    Il nostro paese compra e basta. Si fida in modo idiota di Carosello (vedi Carosello e poi vai a letto, è la nostra preghiera serale) e non dei propri occhi, della propria mente, del proprio palato, delle proprie mani e del proprio denaro. Il nostra paese è un solo grande mercato di nevrotici tutti uguali, poveri e ricchi, che comprano, comprano, senza conoscere nulla, e poi buttano via e poi ricomprano. Il denaro non è più uno strumento economico, necessario a comprare o a vendere cose utili alla vita, uno strumento da usare con parsimonia e avarizia. No, è qualcosa di astratto e di religioso al tempo stesso, un fine, una investitura, come dire: ho denaro, per comprare roba, come sono bravo, come è riuscita la mia vita, questo denaro deve aumentare, deve cascare dal cielo o dalle banche che fino a ieri lo prestavano in un vortice di mutui (un tempo chiamati debiti) che danno l’illusione della ricchezza e invece sono schiavitù. Il nostro paese è pieno di gente tutta contenta di contrarre debiti perché la lira si svaluta e dunque i debiti costeranno meno col passare degli anni.

    Il nostro paese è un’enorme bottega di stracci non necessari (perché sono stracci che vanno di moda), costosissimi e obbligatori. Si mettano bene in testa gli obiettori di sinistra e di destra, gli “etichettati” che etichettano, e che mi scrivono in termini linguistici assolutamente identici, che lo stesso vale per le ideologie. Mai si è avuto tanto spreco di questa parola, ridotta per mancanza di azione ideologica non soltanto a pura fonia, a flatus vocis ma, anche quella, a oggetto di consumo superfluo.


    I giovani “comprano” ideologia al mercato degli stracci ideologici così come comprano blue jeans al mercato degli stracci sociologici (cioè per obbligo, per dittatura sociale). I ragazzi non conoscono più niente, non conoscono la qualità delle cose necessarie alla vita perché i loro padri l’hanno voluta disprezzare nell’euforia del benessere. I ragazzi sanno che a una certa età (la loro) esistono obblighi sociali e ideologici a cui, naturalmente, è obbligo obbedire, non importa quale sia la loro “qualità”, la loro necessità reale, importa la loro diffusione. Ha ragione Pasolini quando parla di nuovo fascismo senza storia. Esiste, nel nauseante mercato del superfluo, anche lo snobismo ideologico e politico (c’è di tutto, vedi l’estremismo) che viene servito e pubblicizzato come l’élite, come la differenza e differenziazione dal mercato ideologico di massa rappresentato dai partiti tradizionali al governo e all’opposizione. L’obbligo mondano impone la boutique ideologica e politica, i gruppuscoli, queste cretinerie da Francia 1968, data di nascita del grand marché aux puces ideologico e politico di questi anni. Oggi, i più snob tra questi, sono dei criminali indifferenziati, poveri e disperati figli del consumo.


    La povertà è il contrario di tutto questo: è conoscere le cose per necessità. So di cadere in eresia per la massa ovina dei consumatori di tutto dicendo che povertà è anche salute fisica ed espressione di se stessi e libertà e, in una parola, piacere estetico. Comprare un oggetto perché la qualità della sua materia, la sua forma nello spazio, ci emoziona.


    Per le ideologie vale la stessa regola. Scegliere una ideologia perché è più bella (oltre che più “corretta”, come dice la linguistica del mercato degli stracci linguistici). Anzi, bella perché giusta e giusta perché conosciuta nella sua qualità reale. La divisa dell’Armata Rossa disegnata da Trotzky nel 1917, l’enorme cappotto di lana di pecora grigioverde, spesso come il feltro, con il berretto a punta e la rozza stella di panno rosso cucita a mano in fronte, non soltanto era giusta (allora) e rivoluzionaria e popolare, era anche bella come non lo è stata nessuna divisa militare sovietica. Perché era povera e necessaria. La povertà, infine, si cominci a impararlo, è un segno distintivo infinitamente più ricco, oggi, della ricchezza. Ma non mettiamola sul mercato anche quella, come i blue jeans con le pezze sul sedere che costano un sacco di soldi. Teniamola come un bene personale, una proprietà privata, appunto una ricchezza, un capitale: il solo capitale nazionale che ormai, ne sono profondamente convinto, salverà il nostro paese».
     
  2. Daniele

    Daniele

    Utente attivo

    Registr.:
    23 Set 2010
    Messaggi:
    238
    Le nostre vite cominciano a finire il giorno in cui stiamo zitti di fronte alle cose che contano...

    Martin Luther King
     
  3. Daniele

    Daniele

    Utente attivo

    Registr.:
    23 Set 2010
    Messaggi:
    238
    - Morirei anch'io, ma ho altri impegni

    Bob Dylan!

    What else?
     
  4. eolica

    eolica

    Moderatore Membro dello Staff

    Registr.:
    11 Mar 2012
    Messaggi:
    1.500
    C'è un'Ape che se posa
    su un bottone de rosa:
    lo succhia e se ne va...
    Tutto sommato, la felicità
    è una piccola cosa.


    Trilussa

    ----
    A tutti coloro che leggono questo mio fugace messaggio,con il prezioso aiuto del grande "Trilussa", con tutto il mio cuore auguro tanta, tantissima felicità, magari provando a farne preziosa scorta a cui fare ricorso nei giorni "complicati" della nostra vita.
     
  5. Daniele

    Daniele

    Utente attivo

    Registr.:
    23 Set 2010
    Messaggi:
    238
    Ca..o non è cambiato niente nel 2017: il lunedì ha la stessa brutta faccia del 2016
     
  6. Daniele

    Daniele

    Utente attivo

    Registr.:
    23 Set 2010
    Messaggi:
    238
    Stupenda!!! C1K0rjkWgAAZjBt.jpg
     
  7. Daniele

    Daniele

    Utente attivo

    Registr.:
    23 Set 2010
    Messaggi:
    238
    Visto questa notte...

    Film enorme!!! pane_e_cioccolata_1974.jpg
     
  8. eolica

    eolica

    Moderatore Membro dello Staff

    Registr.:
    11 Mar 2012
    Messaggi:
    1.500

    Pablo Neruda




    Lentamente muore


    Lentamente muore

    chi diventa schiavo dell’abitudine,

    ripetendo ogni giorno gli stessi percorsi,

    chi non cambia la marcia,

    chi non rischia e cambia colore dei vestiti,

    chi non parla a chi non conosce.


    Muore lentamente chi evita una passione,

    chi preferisce il nero su bianco

    e i puntini sulle “i”

    piuttosto che un insieme di emozioni,

    proprio quelle che fanno brillare gli occhi,

    quelle che fanno di uno sbadiglio un sorriso,

    quelle che fanno battere il cuore

    davanti all’errore e ai sentimenti.


    Lentamente muore

    chi non capovolge il tavolo,

    chi è infelice sul lavoro,

    chi non rischia la certezza per l’incertezza per inseguire un sogno,

    chi non si permette almeno una volta nella vita, di fuggire ai consigli sensati.


    Lentamente muore chi non viaggia,

    chi non legge,

    chi non ascolta musica,

    chi non trova grazia in se stesso.


    Muore lentamente chi distrugge l’amor proprio,

    chi non si lascia aiutare

    chi passa i giorni a lamentarsi

    della propria sfortuna o della pioggia incessante.


    Lentamente muore

    chi abbandona un progetto prima di iniziarlo,

    chi non fa domande sugli argomenti che non conosce,

    chi non risponde quando gli chiedono qualcosa che conosce.


    Evitiamo la morte a piccole dosi,

    ricordando sempre che essere vivo

    richiede uno sforzo di gran lunga maggiore del semplice fatto di respirare.


    Soltanto l’ardente pazienza

    porterà al raggiungimento

    di una splendida felicità.
     
  9. Daniele

    Daniele

    Utente attivo

    Registr.:
    23 Set 2010
    Messaggi:
    238
    Ogni tanto giova ricordarlo


    Chi controlla il passato controlla il futuro. Chi controlla il presente controlla il passato

    George Orwell

    C0i7L__W8AEyAff.jpg 1984
     
  10. Daniele

    Daniele

    Utente attivo

    Registr.:
    23 Set 2010
    Messaggi:
    238






    Il pensiero corre veloce a te...chissà...
     
  11. Daniele

    Daniele

    Utente attivo

    Registr.:
    23 Set 2010
    Messaggi:
    238
    Quando i problemi sono tanti e le soluzioni complesse, fai anche tu come gli italiani: non cercare soluzioni, cerca qualcuno da incolpare...
     
  12. Eddy

    Eddy

    Utente attivo

    Registr.:
    10 Mag 2003
    Messaggi:
    322

    In breve ... c'è stata per troppo tempo la "magnatora vascj'" e una grave carenza di schiaffoni, calci in c.lo e cinghiate per insegnare la sobrietà ed il rispetto del denaro:rolleyes:.
     
  13. Daniele

    Daniele

    Utente attivo

    Registr.:
    23 Set 2010
    Messaggi:
    238
  14. eolica

    eolica

    Moderatore Membro dello Staff

    Registr.:
    11 Mar 2012
    Messaggi:
    1.500
    Giusta e opportuna segnalazione.

    Ma quello che (confesso) mi fa più paura non sono solo coloro che leggono, guardano, ascoltano, ma non capiscono, ma quelli che da molto, troppo, tempo non guardano o, se guardano, non vedono : sono quelli che mi danno maggiore sconforto ( leggi anche "incazzatura).
     
  15. Daniele

    Daniele

    Utente attivo

    Registr.:
    23 Set 2010
    Messaggi:
    238
  16. Eddy

    Eddy

    Utente attivo

    Registr.:
    10 Mag 2003
    Messaggi:
    322

    Per quanto mi riguarda "Nihil novi sub solis!" ... non è una novità ... non bastava la TV a lobotomizzare i cervelli ... adesso abbiamo molto di più tra Internet, SmartPhone, Laptop, Tablet, Social network ecc. ecc.:rolleyes:.

    Senza nemmeno accorgercene stiamo progressivamente diventando schiavi ... schiavi del terzo millennio:(.

    Sono le conseguenze della società dell'immagine:rolleyes::(.
     
    A Uber piace questo elemento.
  17. Uber

    Uber

    Utente attivo

    Registr.:
    7 Lug 2014
    Messaggi:
    288
    Eddy, siamo passati dalla società dei consumi alla società dell'immagine, come hai scritto! In parte non posso essere d'accordo, se normalmente più del 40 per cento degli elettori chiamati a votare non si reca alle urne o annulla la scheda. Per quanto riguarda l'articolo a cui ti riferisci del giornale " La Stampa" che è uno degli organi ufficiosi di questo sistema, liberal bancario e cosiddetto capitalista, non lo terrei in considerazione essendo gli stessi colpevoli dello stato in cui ci troviamo. Non mi dilungo oltre.. ma un' ultima riflessione...ma quando scrivi "che stiamo diventando schiavi ....schiavi del terzo millennio" per non esserlo, ti riferisci a quel gruppo politico " fascisti del terzo millennio? e come dire comunisti del terzo millennio e cosi via!!!! Mi spiace non riesco a capire, non me ne volere. Con simpatia e stima.
     
  18. Daniele

    Daniele

    Utente attivo

    Registr.:
    23 Set 2010
    Messaggi:
    238
    La donna italiana è una gran cattolica. Da giovane ti vuol dare per forza il sacramento del matrimonio e da vecchio non vede l'ora di darti l'estrema unzione... image017.jpg
     
  19. Daniele

    Daniele

    Utente attivo

    Registr.:
    23 Set 2010
    Messaggi:
    238
    Ancora oggi, a distanza di anni, questo sfogo divenuto con il tempo lo slogan degli sfruttati di ogni risma, è l'emblema di un paese chiamato Italia...



    download (5).jpg
     
  20. Eddy

    Eddy

    Utente attivo

    Registr.:
    10 Mag 2003
    Messaggi:
    322

    Carissimo Uber ... francamente non so proprio a cosa tu ti stia riferendoo_O.

    Non so nulla de "La Stampa":confused: ... ne' di alcun gruppo politico cui tu ti stia riferendo:confused: ... io mi sono limitato ad esprimere un mio personalissimo pensiero basato su quello che vedo quotidianamente attorno a me e riprendendo il titolo di un interessantissimo libro che ho letto qualche anno fa il cui titolo era appunto "Schiavi nel terzo millennio".
     
    Ultima modifica: 13 Gennaio 2017

Condividi questa pagina